Il tuo neonato sta piangendo e non sai perché? O “Bunny” di ieri: un bambino di tre anni sta organizzando uno scandalo nel negozio? Son-Second-Healter ha portato il primo Deuce? Una figlia adolescente ha improvvisamente fatto un piercing? Per aiutare i genitori, pubblichiamo un ciclo di articoli sulla psicologia correlata all’età.

Nel periodo dalla nascita a un anno, il corpo del bambino fa un enorme idiota in sviluppo. Un nodulo con arti in movimento in modo casuale e un look “cosmico” non calato si trasforma in una piccola persona che si muove indipendentemente nello spazio e reagisce adeguatamente ai segnali dell’ambiente esterno.

Cosa succede al corpo?

Quest’anno, le funzioni corporei si formano quasi completamente. Un’altra trasformazione altrettanto grave si verificherà solo nella pubertà.

Durante l’infanzia, il corpo e la fisicità si stanno sviluppando più attivamente. Si verifica la sincronizzazione di tutti i sistemi: il tratto gastrointestinale, i sistemi cardiovascolari ed endocrini, organi sensoriali e di movimento. A questa età, non stiamo ancora parlando dello sviluppo di sistemi emotivi e

È necessario fare tutto come più silenzioso, poiché Viagra PayPal Butusov ci ha insegnato. E certamente rimuovi le tracce del tuo soggiorno, è ancora una chiesa del libro.

cognitivi: il corpo è in primo luogo.

Nello stesso periodo, i ritmi principali vengono posati e si sviluppano: la frequenza delle contrazioni cardiache, la peristalsi, la respirazione. Inoltre – cicli più complessi: sonno e veglia, alimentazione, secrezione.

I ritmi di tutti i sistemi dovrebbero essere integrati in un sistema coordinato, che garantirà il funzionamento del corpo per tutta la vita.

Il bambino metterà il suo ritmo stesso

Tutti i bambini sono diversi, queste differenze sono dovute a caratteristiche ereditarie, caratteristiche dello sviluppo intrauterino, il processo di parto. Qualcuno dorme per molto tempo e profondamente, qualcuno spesso si sveglia, qualcuno ha bisogno di mangiare ogni 2 ore e qualcuno ha già mantenuto lunghe pause nell’alimentazione del secondo mese.

Questi sono i ritmi naturali del bambino che è importante considerare. Rispondendo alle esigenze del bambino, aiutiamo il corpo del bambino a configurare il ritmo e il lavoro dei sistemi interni.

In altre parole, se il bambino chiede spesso il torace o va a sonno lungo durante il giorno, se è meglio rispondere a questa esigenza e non imporre la sua modalità di alimentazione e sonno. Entro pochi mesi (o più veloce), si sintonizzerà su un ritmo normale per questo, le pause nell’alimentazione aumenteranno e il sonno notturno sarà senza frequenti risvegli.

Perché è necessaria l’indipendenza. contatto ravvicinato

Sorprendentemente, più il bambino durante l’infanzia è accanto al genitore (tra le sue braccia, che si applica al petto su richiesta, vivendo con gli adulti nella stessa stanza e sente costantemente la loro presenza), più diventa indipendente in futuro.

La necessità per gli adulti è estremamente elevata nei primi 6 mesi di vita e dovrebbe essere soddisfatto. Altrimenti, potrebbe risultare che il bisogno insoddisfatto rimarrà per molti anni, e sarà difficile per il bambino abituarsi alla mancanza di una madre quando va all’asilo o se ne andrà per diversi giorni a sua nonna.

C’è un mito che risparmiamo il bambino, portando costantemente tra le sue braccia, che si abituerà e sarà difficile svezzarlo in futuro. Ma la verità è esattamente il contrario: se alle prime fasi danno al bambino ciò che “chiede”, allora si svilupperà più velocemente e diventerà autonomo.

Anche il contatto fisico attivo con un adulto è estremamente importante per lo sviluppo del cervello e le funzioni mentali più elevate. Le capacità del corpo e del motore sono molto meglio formate se il bambino sente costantemente contatto con il corpo di un adulto, se il bambino viene toccato, abbracciato, premuto a se stesso.

L’esperienza più corporea di sensazioni e movimenti articolari, più veloce e più pienamente lo sviluppo della psiche in futuro.

Quanto devi mangiare, stare tra le mani, giocare e dormire?

Per quanto ne abbia bisogno tuo figlio. È impossibile dare prescrizioni universali chiare: ogni bambino è unico, le sue esigenze di frequenza e qualità del contatto con gli adulti sono anche estremamente individuali. Qualcuno deve passare tutto il giorno tra le braccia e qualcuno è abbastanza 4-5 ore.

E come capire cosa ha bisogno, te lo chiedi. Dopotutto, il bambino non è in grado di dire che vuole?

1. In primo luogo, il bambino può “dire”, lo fa solo a modo suo. Lui sta piangendo. Se qualcosa fa male o qualcosa vuole, se spaventoso o noioso. Piangere è un segnale per adulti che ha bisogno della sua partecipazione.

Il bambino le chiede persistentemente ed egoisticamente. Sì, non “pensa” che sua madre sia stanca o impegnata. Combatte per se stesso, il suo sviluppo, il suo futuro. E chiede sempre quanto lui ha bisogno, non più. Non appena il bisogno è soddisfatto, il bambino si calma immediatamente o si addormenta.

2. In secondo luogo, la mamma sa sempre cosa vuole suo figlio. Nei primi mesi di vita, la relazione del bambino con la madre è molto forte.

Il problema del nostro tempo e della nostra cultura è che le giovani madri non si fidano dei loro sentimenti, ma cercano informazioni “scientifiche” in diverse fonti. Tuttavia, il modo più diretto per capire di cosa ha bisogno il bambino è ascoltare i tuoi sentimenti.

Molto spesso la mamma è preoccupata se il bambino piange. È meglio ascoltare questa sensazione ansiosa e non allontanarlo da se stesso, perché il dottore ha detto che tutto va bene, solo il bambino è “capriccioso”. Ma nell’infanzia, i bambini non agiscono, tanto più non chiedono qualcosa consapevolmente.

Spesso puoi sentire: “È astuto, piange finché non vieni da lui e canti una canzone”. Non è affatto astuto, ha bisogno di una canzone per addormentarsi e riprendersi, perché è spaventoso addormentarsi senza madre. E la paura ruba l’energia che può essere utilizzata per formare i sistemi del corpo.

Calma, solo calma!

Qui voglio fare un’osservazione importante. Non c’è bisogno di preoccuparsi di ogni eccesso con un bambino. È importante fare attenzione ai suoi bisogni e al pianto, ma se non ha funzionato rapidamente il bambino per calmarsi e dargli ciò che vuole, allora la tragedia non è avvenuta.

I bambini piccoli hanno un grande “margine di sicurezza” e dai singoli “errori” di gravi conseguenze degli adulti non arriveranno. Alla fine, il conforto psicologico della madre, il suo sincero desiderio di comunicare con il bambino e dargli il calore dei genitori, è la chiave del normale sviluppo di un piccolo organismo.

Non affrettare il bambino

L’età dalla nascita a un anno è associata allo sviluppo del corpo. L’attenzione del genitore dovrebbe essere diretta a funzioni corporee: si è girato, si è seduto, si è alzato, strisciata. Ogni fase dello sviluppo è importante.

Molte persone vogliono che il bambino vada il prima possibile, quindi mettono il bambino in un deambulatore a 6 mesi, senza dare a questo bambino l’opportunità di strisciare molto. Ma il movimento a quattro zampe è una delle fasi più importanti della formazione non solo delle abilità motorie, ma anche delle funzioni spaziali ed emotive. Ignorare questa fase può portare a una distorsione dello sviluppo di funzioni mentali più elevate in futuro.

L’infantity è un periodo di completa dipendenza dall’adulto e più la presenza di un adulto nella vita del bambino, più indipendente diventerà in futuro. È troppo presto per punire e incoraggiare, per insegnare qualcosa, basta essere vicino, nutrire e indossare tra le braccia.

Il prossimo materiale da questo ciclo dedicato allo sviluppo dei bambini da 1 a 3 anni uscirà domenica 3 ottobre.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *